In Canada è stata legalizzata la cannabis



(Immagine: Getty images)

L’uso, la coltivazione e la vendita della cannabis sono diventati legali in Canada a partire da mercoledì 17 ottobre 2018. Alcuni negozi hanno effettuato aperture straordinarie per soddisfare la domanda dei clienti che hanno formato lunghe code. La liberalizzazione apre una fase di test sugli effetti di questa manovra.

La legalizzazione della cannabis realizza un progetto politico, cavallo di battaglia dell’attuale primo ministro canadese Justin Trudeau durante la campagna elettorale del 2015, che prende forma a pochi mesi dalle elezioni federali del 2019.

La legge permette ai maggiorenni di comprare piante, semi e oli per un massimo di 30 grammi. In casa potranno essere coltivate fino a 4 piantine e, nel contempo, le norme relative all’acquisto illegale di marijuana sono state rese più severe. Vendere sostanze a un minorenne può costare fino a 14 anni di carcere ma le polemiche non sono mancate perché la nuova legge prevede pene più stringenti rispetto alle norme sulla vendita di alcolici.

Ora la legge dovrà essere estesa a tutta il Paese secondo un programma stabilito, per riuscire a gestire al meglio le differenze tra domanda (tanta) e offerta (molto meno). Non tutti i negozi sono riforniti e dispongono già delle necessarie licenze.

Laddove ci sarà carenza di marijuana, come per esempio in Ontario, si potrà acquistare online. Le provincie applicano la legge con alcune differenze una dall’altra, è però in corso una campagna informativa per illustrare la legge a tutti i residenti.

C’è una misura retroattiva
Il governo sta preparando un’amnistia in favore di chi è stato arrestato o condannato per il possesso di quantità di marijuana che la legge entrata in vigore rende non punibile (fino a 30 grammi).

Anche in questo caso si tratta sia di una misura politica, sia di una soluzione che faccia scuola per tutti quei paesi che guardano con interesse alla legge canadese, in attesa dei risultati che fornirà, anche sul fronte della salute e della sicurezza. Dopo l’Uruguay, il Canada è la seconda nazione al mondo a optare per la liberalizzazione. La cannabis è stata liberalizzata anche in nove Stati americani ma, a livello federale, non ci sono leggi unificate.


Fonte: WIRED.it