Streaming video, Apple e Warner lanciano la sfida a Netflix e Amazon



(foto: Getty)

Quello dello streaming online è ormai diventato un mercato che continua a incrementare i suoi utenti e a produrre fatturati stellari. A guidare questo settore oggi sono soprattutto colossi come Netflix, Amazon Prime Video e Hulu. Negli ultimi giorni però anche WarnerMedia e Apple si sono dette interessate a entrare nel mercato del video streaming con servizi in grado di competere con i rivali.

Warner Media, acquistata quattro mesi fa dalla società di telecomunicazioni At&t che possiede già Hbo, Turner e Warner Bros, sta pensando di lanciare per la fine del 2019 un servizio di streaming tv da vendere direttamente ai suoi utenti a un prezzo di abbonamento ancora da definire nel dettaglio.

Il servizio si baserà sul successo di Hbo Now, che conta quasi 5 milioni di iscritti e oggi permette di vedere in streaming tutti i prodotti della compagnia. Oltre ai programmi Hbo, però, l’abbonamento unico proposto da WarnerMedia “includerà anche i contenuti di Turner e Warner Bros con i loro forti brand in grado di unire interessi diversi e intrattenimento per il grande pubblico ha dichiarato l’amministratore delegato John Stankey alla Cnn. Nella libreria del gruppo ci sono prodotti come Harry Potter e Game of Thrones, che hanno registrato un incredibile successo di pubblico.

Nel 2019 anche un altro gigante come Apple sembra interessato a prendere parte ai giochi del mercato dello streaming. Secondo quanto annunciato all’emittente Cnbc, la compagnia della mela vorrebbe mettere a disposizione i suoi contenuti originali – o di cui possiede l’esclusiva – come film, serie tv e programmi, in modo gratuito e attraverso il dispositivo Apple Tv. In questo modo, gli utenti non avrebbero bisogno di installare nessuna app aggiuntiva dei singoli providers e potrebbero facilmente usufruire dei contenuti a disposizione direttamente dalla piattaforma Apple.

Il servizio offrirebbe un misto di contenuti originali e di servizi di canali esterni su abbonamento, tra cui anche la stessa Hbo. Solo quest’anno Apple ha già investito una cifra pari a 1 miliardo di dollari per produzioni originali e secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, sta già lavorando alla produzione di 24 nuovi show che saranno resi disponibili gratuitamente dal 2019.


Fonte: WIRED.it