Su Snapchat sbarcano i videogiochi

Su Snapchat sbarcano i videogiochi



Nel futuro di Snapchat, l’app di messaggistica effimera frequentata principalmente da giovani e giovanissimi, potrebbero esserci i videogiochi. Lo rivela al The Information una fonte che si è detta a conoscenza dei piani dell’azienda: il gruppo avrebbe intenzione di proporre entro l’autunno di quest’anno un vero e proprio app store interno alla sua piattaforma, nel quale gli utenti potranno scegliere tra un catalogo di giochi realizzati da sviluppatori esterni appositamente per Snapchat. 

Da tempo ormai la concorrenza di Instagram all’app creata da Evan Spiegel si è fatta spietata e indirizzata a soffiare alla rivale proprio la fetta di utenti più giovani alla quale quest’ultima si rivolge fin dall’inizio. Non stupisce dunque che ingegneri e manager del gruppo siano costantemente sotto pressione per trovare nuovi modi di rendere unica l’esperienza di messaggistica messa a disposizione del suo pubblico di riferimento. Purtroppo il restyling di inizio 2018 al quale gli ingegneri di Snapchat hanno sottoposto l’app ha causato r eazioni contrastanti nella comunità di utenti, ma l’arrivo di una sezione dedicata ai videogiochi potrebbe cambiare le carte in tavola

Ancora non è chiaro quali forme assumeranno questo tipo di esperienze interne a Snapchat ma, considerando che l’app in passato ha saputo puntare in maniera intelligente sulla realtà aumentata con una serie di filtri per la modifica di foto e video in tempo reale, in molti ipotizzano che anche i videogiochi possano ruotare intorno allo stesso concetto: un mix tra quel che viene ripreso dalle fotocamere degli smartphone e ciò che gli sviluppatori decideranno di posizionare sugli schermi. 

Del resto Snapchat ha già acquisito qualche mese fa il motore di gioco 3D PlayCanvas e offerto alcune semplici esperienze in realtà aumentata denominate Snappables . I giochi che saranno messi a disposizione in autunno potrebbero essere prodotti simili ma più complessi, realizzate da studi esterni sfruttando gli strumenti di PlayCanvas messi a disposizione dall’azienda. A svelarlo sarà il tempo; intanto l’avversario predestinato — che per una volta non è Instagram ma Facebook — attende con già diversi titoli a disposizione all’interno del proprio servizio di messaggistica Messenge r.