Skolkovo, viaggio nella “Silicon Valley” di Russia | Il Reportage

Skolkovo, viaggio nella “Silicon Valley” di Russia | Il Reportage



La “Silicon Valley” di Russia, questo il soprannome che molti le hanno dato. In realtà, Skolkovo assomiglia più a una piccola città dell’innovazione, sorta alla periferia di Mosca e capace di racchiudere in un unico luogo startup, docenti universitari e aziende. In una frase, competenze tecniche e servizi necessari per lo sviluppo di progetti innovativi.

Un'immagine dall'alto del Technopark di Skolkovo dove hanno la propria sede aziende e startup

La città dell’innovazione

Fondato nel 2010 per iniziativa dell’allora Presidente Dmitry Medvedev, nei piani del governo lo Skolkovo Innovation Center doveva fungere da leva per avviare la trasformazione del Paese da potenza industriale, con un’economia basata prevalentemente su sfruttamento e lavorazione delle risorse naturali, a vera autorità del settore tecnologico. Seguendo così l’esempio di rivali come Cina e Stati Uniti.

Un obiettivo che si è cercato di conseguire puntando su forti investimenti, ma soprattutto sulla creazione di un ecosistema che attirasse talenti, insieme ai loro progetti, da tutto il mondo.

L'ex Presidente Dmitry Medvedev mentre alcuni startupper di Skolkovo presentano i loro progetti

A distanza di quasi 8 anni i numeri sembrano dare ragione a quel proposito iniziale. Skolkovo ospita oggi più di 1800 startup attive in campi di ricerca come IT, biomed, energia e tecnologie aerospaziali. Imprese che hanno ottenuto investimenti per un complessivo di 2 miliardi e mezzo di dollari generando più di 27 mila nuovi posti di lavoro.

Ma all’interno della stessa struttura hanno anche sede oltre 200 aziende, di cui circa la metà russe, di dimensioni medio-grandi (Microsoft, Siemens, Johnson&Johnson, IBM, l’italiana Enel e tante altre) divenute partner a diversi livelli della Skolkovo Foundation.

Qualche esempio più specifico. Boeing ha aperto qui nel 2016 un centro dedicato alla ricerca e addestramento dei propri piloti tramite simulatori di voli interattivi. Il gigante delle telecomunicazioni Cisco inaugurerà nel 2019 una sede di supporto all’headquarter di Mosca. Mentre Sberbank, una delle più grandi banche del Paese, sta costruendo all’interno di Skolkovo un enorme centro per la conservazione dati dei propri clienti che proteggerà l’operatività dell’istituto bancario da possibili attacchi hacker.

Struttura, servizi, incentivi fiscali…

Competenze tecniche, spazi innovativi e contatti privilegiati con le grandi aziende: sono dunque questi i segreti della Silicon Valley di Russia? In parte, ma non solo. Perché la Skolkovo Foundation promuove al proprio interno importanti bandi di concorso che possono portare le startup a ottenere fino a 4 milioni di finanziamenti per R&S. A ciò si aggiunge un sistema fiscale molto favorevole per le imprese innovative che le esenta del pagamento di tasse e contributi, e le agevola nel trasferimento di tecnologie brevettate all’interno della Federazione.

“La struttura e le esenzioni fiscali sono importanti, ma ci sono anche altri elementi che possono condizionare il successo o il fallimento di una startup”, spiega Vagan Martirosyan, CEO di TRY.FIT che aiuta chi fa acquisti online a trovare la scarpa giusta per il proprio piede partendo da uno scan dell’impronta.

La piattaforma TRY.FIT realizza un'immagine tridimensionale dell'impronta

“Skolkovo conosce i progetti a cui stiamo lavorando, porta qui media e investitori da tutto il mondo per farli conoscere e ci supporta sia nella protezione della proprietà intellettuale che nel reclutamento di nuovi membri per i nostri team di lavoro”.

Ci sono molti elementi che possono condizionare il successo o il fallimento di una startup

L’ecosistema in continua crescita

Attualmente sono circa 10 mila le persone che lavorano o studiano a Skolkovo, e 500 di esse vivono qui. Questo perché l’intero complesso, che occupa un’area di 2,6 milioni di m², è stato pensato come una città completamente autonoma che offra ai suoi abitanti gli stessi servizi presenti a Mosca.

Qui ha sede lo Skolkovo Institute of Science and Technology (Skoltech) un’università di ricerca in partnership con il MIT (Massachusetts Institute of Technology). E qui si trova anche lo Skolkovo International Gymnasium, una scuola riconosciuta a livello internazionale per bambini dai 2 ai 18 anni.

“Una simile organizzazione”, considera il CEO di Navigine, Alexey Panyov, “permette a chi vive qui di dedicare al proprio progetto tutte le energie della giornata. Senza dover rinunciare ai momenti con la propria famiglia o a perdere tempo nel traffico della capitale”. Un tema quello del tempo perso cui Alexey è molto legato. La sua startup, infatti, offre un servizio di geolocalizzazione e mappatura degli spazi interni attraverso l’installazione di piccoli device per le rilevazioni.

Navigine: il concetto di Google Maps applicato agli spazi interni di un edificio

“E questo ecosistema è in continua crescita. Basta andare fuori e dare un’occhiata ai cantieri in costruzione per capire come gli attuali 6/7 edifici presenti diventeranno più di una trentina nel giro di pochi anni”. Attualmente, infatti, oltre il 65% dell’area è in fase di sviluppo: uffici, spazi residenziali e abitazioni, come il Campus, prendono forma giorno dopo giorno.

L’obiettivo per il 2020 è portare a 35 mila persone il numero dei lavoratori presenti, facendo contemporaneamente salire a 20 mila quello dei residenti. Per intenderci, una specie di Aosta nata e cresciuta dal nulla in meno di 10 anni.

Skoltech

“La grande disponibilità di fondi ti permette di fare ricerca in un modo diverso da come lo concepiamo in Italia. Un modo molto più autonomo e, per certi versi, imprenditoriale”. A parlare è il professor Aldo Bischi, docente associato che a Skoltech si è occupato di ricerca ed innovazione nell’ambito dei sistemi di conversione dell’energia.

La disponibilità di fondi ti permette di fare ricerca in un modo più autonomo e imprenditoriale

Nella città dell’innovazione i professori vengono incentivati a creare un team con competenze miste per portare avanti i propri progetti. Mentre gli studenti hanno nei loro percorsi di studio un numero elevato di crediti da ottenere in tal modo. Si crea così un sistema virtuoso in cui le nozioni si trasmettono e la ricerca, sempre nel rispetto della proprietà intellettuale, non è necessariamente vincolata a una persona sola.

“Ovviamente, il budget a disposizione è in funzione dei risultati raggiunti. Ma tra i criteri di assegnazione si tiene gran conto di eventuali collaborazioni con startup e imprese innovative”. E non potrebbe essere altrimenti in una realtà dove docenti e startupper si trovano a un ufficio di distanza.

La partnership con il MIT ha poi avuto un effetto molto positivo incentivando frequenti scambi tra le due università e generando un ambiente dove competenze e impostazioni differenti si mescolano e si completano a vicenda.

La “due giorni” delle startup

Sebbene sia in continua crescita, la realtà Skolkovo continua ad essere ancora poco conosciuta all’estero. Ecco perché si punta su grandi eventi per attrarre un elevato numero di visitatori e – why not? – nuove possibili startup.

Fiore all’occhiello di questa strategia marketing è, senza dubbio, lo Startup Village, una due giorni di esibizioni e conferenze dove le imprese innovative residenti mettono in mostra il meglio della loro ricerca, mentre quelle in visita scoprono come questa struttura potrebbe aiutarli a migliorare il proprio business.

Dallo Startup Village 2017

L’edizione 2017 ha visto la presenza di 20 mila partecipanti provenienti da più di 80 Paesi del mondo. Una platea immensa davanti alla quale esponevano le loro proposte 4500 startup. Ma la vera attrazione erano i 1000 investors (istituzionali e non) alla ricerca dei migliori progetti innovativi.

Leggi anche: Il futuro della Federazione Russa sono le startup

Programmata per il 31 di maggio e il primo di giugno prossimi, l’edizione di quest’anno vedrà tra le protagoniste anche diverse startup italiane accompagnate in questa visita dall’ICE. E StartupItalia! visiterà Mosca e Skolkovo per raccontarvi il meglio dell’evento.Noi ci saremo per promette risultati ancora migliori  c’erano


Fonte: Startupitalia