Vietato vendere a Zte: gli Stati Uniti contro il colosso tech cinese



Zte (Photo by Miquel Benitez/Getty Images)

Gli Stati Uniti alzano una nuova barriera contro la Cina. Il dipartimento del commercio di Washington ha vietato alle aziende americane di vendere componenti alla cinese Zte, colosso degli smartphone. Il divieto durerà sette anni. L’accusa degli Usa è che la multinazionale cinese abbia violato l’embargo contro Iran e Corea del nord. L’azienda avrebbe mentito sulla vendita di prodotti tecnologici nei due Paesi, colpiti dalle sanzioni di Washington, perciò il governo risponde con un blocco.

L’antefatto è di un anno fa. Come scrive il dipartimento del commercio Usa, “nel marzo 2017, Zte ha acconsentito a una pena combinata civile e penale e alla confisca di 1,19 miliardi di dollari dopo aver spedito illegalmente attrezzature per telecomunicazioni in Iran e Corea del Nord, rendendo dichiarazioni false e ostacolando la giustizia anche prevenendo la divulgazione e affermando il governo americano in modo affermativo“. Allora, l’azienda, “oltre a queste sanzioni pecuniarie, ha anche concordato un divieto di esportazione per sette anni di sospensione dei privilegi di esportazione, che potrebbe essere attivato se non fosse rispettato alcun aspetto dell’accordo“.

Per gli Usa, il colosso ha violato l’intesa: “Il dipartimento del commercio ha ora stabilito che Zte ha reso dichiarazioni false“. L’azienda non avrebbe preso provvedimento contro i dipendenti che violavano l’accordo con gli Usa. “Zte ha ingannato il dipartimento del commercio. Invece di rimproverare lo staff e l’alta dirigenza di Zte, Zte li ha premiati.

Questo comportamento eclatante non può essere ignorato“, ha detto il segretario del commercio Wilbur Ross. 

Anche se l’episodio risale a un anno fa, colpisce la coincidenza con i giorni di alta tensione per via della guerra commerciale tra Usa e Cina. L’amministrazione Trump si è già messa di mezzo nell’affaire Qualcomm per impedire di avvantaggiare i cinesi nella corsa al 5G. E ora questa decisione limita il mercato di un colosso orientale. Zte rientra tra le prime cinque aziende tech del Dragone e dà lavoro a oltre 74mila persone.


Fonte: WIRED.it