Mercedes Classe A berlina, a Pechino debutta la nuova variante della “piccola” della Stella



Paese che vai… preferenze che trovi: in Cina le auto piacciono con la coda e, soprattutto, con un abitacolo particolarmente generoso per chi siede dietro. Mercedes, quindi, ha condensato queste caratteristiche nella nuova Classe A L Sedan, una berlina col passo allungato di 6 centimetri rispetto al modello di derivazione: significa che la distanza fra le ruote è più generosa, a tutto vantaggio dei passeggeri posteriori. 

L’auto debutta in anteprima mondiale al Salone di Pechino 2018 e fa parte del piano di espansione che Mercedes ha in programma per la sua famiglia di modelli “compatti”, che in alcuni mercati, come l’Italia, contano per più di metà delle vendite: ne faranno parte anche la versione berlina “a passo corto” – in arrivo sui mercati occidentali nei prossimi mesi – la CLA, coupé a 4 porte (che avrà anche una versione shooting brake), la monovolume Classe B e il Suv GLA

DAIMLER AG

Un gamma che si allargherà da 5 a 8 varianti, contribuendo a bissare il successo dei veicoli nati sotto l’ombrello della Classe A che, dal ’97, sono stati assemblati in oltre 6 milioni di unità. La clientela di riferimento? Nel tempo è diventata molto più giovane che in passato: adesso è composta da trentenni e si divide quasi equamente fra uomini e donne. 

DAIMLER AG

Lunga 4,6 metri, la Classe A L Sedan – che sarà commercializzata nella Repubblica Popolare nella seconda metà del 2018 - verrà prodotta esclusivamente in Cina dalla BBAC, una joint-venture creata da Daimler e altri partner locali della cinese Baic. 

Estetica e contenuti tecnologici ricalcano fedelmente quanto visto sulla Classe A 5 porte (da cui riprende motori e trasmissioni), quella con la coda tronca per intendersi. Il modello finisce per ricordare la CLA, ma sarà più confortevole grazie all’andamento meno sportivo di padiglione e lunotto. 

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

DAIMLER AG