Da presenza ingombrante a status symbol: quando la TV diventa un oggetto di design