Al via L3Pilot,  il progetto europeo sulla guida autonoma da 68 milioni di euro

Al via L3Pilot, il progetto europeo sulla guida autonoma da 68 milioni di euro



Il più grande progetto europeo sulla guida autonom a, chiamato L3Pilot, coinvolge anche FCA, attraverso il Centro Ricerche Fiat. Il costo totale del piano quadriennale avviato lo scorso 1

o
settembre è di 68 milioni di euro, 36 dei quali messi a disposizione dall’UE.  

Saranno coinvolti cento veicoli e mille conducenti, ma per il momento non è ancora chiaro né il tipo dei modelli né i Paesi dove avverranno i test. La legislazione italiana, ad esempio, è lacunosa su questo punto, ma il Ministero dei Trasporti starebbe lavorando alla messa a punto di uno specifico dispositivo. 

Le prove su strada non cominceranno prima di un anno e mezzo: il Belpaese non è l’unica nazione a non avere una normativa relativa ai veicoli a guida autonoma. L’analisi sulle responsabilità dei veicoli (e quindi di chi li fabbrica) e le implicazioni per il codice della strada fa parte dell’operazione. 

Il progetto L3Pilot è coordinato dal gruppo Volkswagen: la politica tedesca ha preteso per il suo Paese un ruolo pionieristico, tanto da aver già approvato un quadro normativo per i veicoli a guida autonoma. Ha anche istituito un comitato per la valutazione del codice etico che deve disciplinare i software di gestione. 

Il progetto L3Pilot prevede che i test vengano eseguiti in 11 Paesi. L’obiettivo è quello di verificare i sistemi di guida autonoma in condizioni reali, in conformità con i livelli 3 e 4 (su un massimo di 5 della scala Sae) e in una vasta gamma di applicazioni: dal parcheggio al sorpasso, fino alla guida in città in condizioni di traffico difficili. 

Del consorzio fanno parte università (fra le quali quella di Genova), piccole e medie imprese, fornitori, istituti di ricerca e, naturalmente, costruttori. Attorno all’L3Pilot, oltre alla società che coordina e al già citato Centro Ricerche Fiat, si sono “stretti” la Federazione Internazionale dell’Automobile e 11 case automobilistiche: Audi, Bmw Group (impegnato anche nel progetto Inframix), Daimler, Ford, Honda R&D Europe, Jaguar Land Rover, Opel, Groupe PSA, Renault, Toyota Motor Europe e Volvo Car Corporation. 

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

 

Che cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento qui sotto!