Hyundai presenta il  Suv a idrogeno e conferma la sua strategia “green”

Hyundai presenta il Suv a idrogeno e conferma la sua strategia “green”



Unisce la carrozzeria più in voga in tutto il mondo, quella della Sport Utility, con le ragioni dell’ecosostenibilità. Il nuovo prototipo della Hyundai è un “Suv Fuel Cell” di ultima generazione presentato pochi giorni fa in anteprima mondiale a Seul, “in una versione non lontana da quella che entrerà in produzione”, come sostiene il costruttore in un comunicato ufficiale.  

L’auto, spinta da un motore elettrico, adopera l’energia prodotta da una pila a combustibile (chiamata anche fuel cell): quest’ultima genera elettricità (e vapore acqueo di scarto) attraverso una reazione chimica fra idrogeno - stoccato allo stato liquido all’interno di 3 serbatoi - e ossigeno. Per ora, le stazioni di rifornimento dell’idrogeno sono ancora molto rare (in Italia, si contano sulle dita di una mano), ma secondo Hyundai, Toyota, Honda e BMW questo gas sarà il vettore energetico del futuro. 

Il nuovo veicolo, dice la Hyundai, disporrà anche di tecnologie avanzate di guida assistita di cui saranno diramati i dettagli a gennaio 2018, in occasione del lancio ufficiale al Ces di Las Vegas, dove sarà svelato anche il nome definitivo del mezzo. 

CAIBAL

Il design del modello è ispirato alla natura, riprende le linee del prototipo FE Concept, presentato al Salone di Ginevra 2017, e raccoglie l’eredità della ix35 Fuel Cell (nella foto sotto), prima auto a idrogeno al mondo prodotta in serie dal 2013 e in dotazione anche in Italia per un progetto di noleggio a Bolzano: rispetto al modello primigenio il prototipo in questione vanta celle a combustibile più sofisticate e un consumo più contenuto di idrogeno. L’efficienza del veicolo è pari al 60%, dice la Casa, cosicché l’autonomia tocca quota 800 km con un singolo pieno di idrogeno (in base agli standard del ciclo europeo di omologazione Nedc). La potenza massima del motore elettrico è aumentata del 20%, passando da 136 a 163 CV.  

Come si legge nella nota ufficiale diramata dal costruttore, “il nuovo modello rientra nel rinnovato piano di Hyundai per lo sviluppo di veicoli a zero o basse emissioni, in linea con il nuovo obiettivo di Hyundai Motor Group di introdurre 31 modelli ecologici (considerando entrambi i brand Hyundai e Kia) nel mercato globale entro il 2020”. Una strategia che prevede lo sviluppo parallelo delle principali tecnologie di alimentazione alternativa – elettrica, ibrida, ibrida plug-in e idrogeno – per soddisfare le diverse necessità dei consumatori nei vari Paesi. Un esempio concreto in questo senso deriva dalla Ioniq, unica auto di serie che permette di scegliere fra 3 tipi di motorizzazioni a basso impatto ambientale: Hybrid, Electric e Plug-in Hybrid

CAIBAL

Il gruppo coreano svilupperà pure prodotti green a trazione integrale e posteriore, utilizzando il sistema di trasmissione elettrica TMED (Transmission Mounted Electrical Device), sviluppato da Hyundai nel 2011: il gruppo coreano “intende dar vita a una gamma elettrica che spazia dai segmenti minori ai più grandi e lussuosi modelli del brand Genesis”, marchio di lusso che mira a far concorrenza a BMW e Mercedes.  

CAIBAL

Tre le fasi strategiche per lo sviluppo delle EV: nella prima metà del 2018 l’arrivo della versione elettrica di Hyundai Kona, piccolo Suv dalla linea aggressiva con trazione anteriore o integrale, costruito su una nuova piattaforma; nel 2021 la presentazione del modello elettrico di Genesis e dopo il 2021 il lancio di un veicolo 100% elettrico con un’autonomia di 500 km.  

Inoltre Hyundai svilupperà la sua prima piattaforma per veicoli elettrici puri, che consentirà all’azienda di produrre diversi modelli con un’autonomia sempre più estesa. Parallelamente proseguirà il perfezionamento della tecnologia Fuel Cell; peraltro Hyundai Motor presenterà un nuovo bus a idrogeno nel quarto trimestre di quest’anno. Attualmente Hyundai commercializza i suoi veicoli fuel cell in 18 Paesi e l’azienda sta prendendo in considerazione l’ipotesi di diffondere il nuovo Suv a idrogeno in mercati con un elevato potenziale di crescita per i veicoli ecologici, come la Cina

+++ Segui La Stampa Motori su Facebook! +++  

 

Che cosa ne pensi? Scrivi il tuo commento qui sotto!