Next Energy, cercasi startup e neolaureati nel settore dell’energia elettrica



(Foto: Next Energy)

I talenti italiani dell’energia sono pronti a sfidarsi di nuovo per costruire un “futuro ad alta tensione”. Torna infatti Next Energy, seconda edizione della Call for Ideas promossa da Terna e Fondazione Cariplo, e realizzata da Cariplo Factory in collaborazione con il Campus di Terna. “Idee e dinamicità sono leve fondamentali su cui puntare per favorire uno sviluppo sostenibile del nostro sistema elettrico e creare valore per il Paese”, ha dichiarato la Presidente di Terna Catia Bastioli.

L’iniziativa nasce proprio per valorizzare e sostenere la crescita di idee e progetti innovativi, creando occupazione per i giovani nel settore elettrico.

Possibilità concrete. Nel corso della prima edizione infatti, su un totale di oltre 200 candidature, nove neolaureati selezionati per lo stage sono stati inseriti in azienda e le quattro migliori startup – Drone Radio Beacon, Ribes Tech, Sense Square e Cleveral – ora collaborano in maniera continuativa con Terna.

(Foto: Terna)

Rispetto allo scorso anno ci sono diverse novità. Una parte del bando infatti è dedicata alle startup in fase post-seed, già pronte alle sfide del mercato. È poi prevista un’offerta di accelerazione su tutto il territorio nazionale, grazie a Cariplo Factory e una rete che comprende i migliori incubatori italiani, tra cui Polihub di Milano, I3P di Torino, Luiss EnLabs di Roma e Consorzio ARCA di Palermo.

“Non possiamo accettare che un Paese non riesca a dare percorsi concreti ai propri giovani sul fronte del lavoro.

L’esperienza di Next Energy ha dimostrato di saper intercettare talenti e competenze di cui i nostri ragazzi dispongono”, spiega Giuseppe Guzzetti, Presidente Fondazione Cariplo. A cui fa eco Carlo Mango, Consigliere Delegato di Cariplo Factory: “La seconda edizione alza ulteriormente l’asticella delle ambizioni di Next Energy. Prima di tutto perché la rete di acceleratori e incubatori che abbiamo creato su tutto il territorio nazionale ci permette di seguire in modo ancora più efficace le startup coinvolte nel progetto. In più, grazie al coinvolgimento di growITup – conclude – potremo lavorare anche con le startup in fase post seed, quindi già in grado di portare valore in Terna”.

Diverse dunque le figure a cui si rivolge Next Energy. Innanzitutto, neolaureati con meno di 28 anni con laurea specialistica in Ingegneria Elettrica, Elettronica, Energetica, Gestionale o Meccanica (da meno di 12 mesi). E poi ci sono i team di innovatori, con almeno una persona di età inferiore ai 35 anni. Infine, startup operanti in ambito Ue che abbiano raccolto investimenti per almeno 50mila euro e in possesso di un prodotto già commercializzabile.

In palio, 10 stage di 6 mesi in Terna per neolaureati, un programma di accelerazione di 3 mesi per le startup scelte e un premio di 50mila euro (voucher in servizi) al progetto migliore. Saranno inoltre selezionate fino a un massimo di cinque startup che accederanno a growITup, la piattaforma di open innovation di Cariplo Factory. Obiettivo: definire potenziali aree di sinergia con Terna e un progetto pilota da testare.

C’è tempo fino all’8 novembre per i neolaureati – un po’ di più per innovatori e startupper (scadenza fissata al 22 novembre) – interessati a candidarsi e intraprendere così un percorso che terminerà in prossimità dell’estate 2018.


Fonte: WIRED.it