Francesca

Eccomi:
Sono arrivata in J@M nell’estate del 2005, dopo essermi diplomata in un liceo linguistico milanese e dopo una breve esperienza lavorativa in un call center durante gli studi.

Coincidenza volle che la mia avventura in J@M cominciasse proprio da lì, nel telemarketing.

L’anno successivo, nel 2006, Jacopo e Monica, vista la necessità di avere una persona per il back-office mi proposero questo nuovo ruolo che intrapresi subito con entusiasmo e dedizione.
Grazie alla fiducia che mi è stata data, con il tempo ho acquisito sempre più sicurezza nel mio lavoro e questo mi ha permesso di crescere negli anni fino a diventare responsabile del back-office, e quindi di occuparmi del controllo di tutti i contratti e della gestione dei sospesi. Per questo sono l’incubo dei commerciali, per l’eleganza e le buone maniere con cui bacchetto gli agenti quando necessario 

Un mio pregio: la memoria infallibile, non mi sfugge niente 

Un mio difetto: mmmh…vediamo tanto per dirne uno, sono poco incline ai cambiamenti!

Descrivere 7 anni di lavoro in poche righe non è semplice, ma dopo tutto questo tempo posso dire che questa azienda per me rappresenta ormai una seconda famiglia e la mia voglia continua di crescere professionalmente si sposa perfettamente con i meccanismi di questa splendida realtà chiamata J@M.

Lorem ipsum

Eccola:
Francesca non è solo poco incline al cambiamento, ne è totalmente terrorizzata!
Dotata di una memoria prodigiosa, avrebbe voluto all’infinito fare affidamento su di essa e su qualche rudimentale file per tenere in ordine una mole spropositata di informazioni su una customer base in costante e veloce crescita. Insomma ci sono voluti caldi incitamenti e qualche strapazzata per convincerla a gestire il back office con quello che ora è diventato il suo strumento di controllo, che governa con sapienza.
Lei ha il potere di trasformare comuni pezzi di carta – i contratti – in valore, in servizi attivati. Brava Francesca, la nostra alchimista.